Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Licenza Creative Commons
aprovadicrash by Aprovadicrash is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at aprovadicrash.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at crashtestbloggers@live.it.
E' consentita la copia del materiale contenuto in questo blog, purché non a fine lucroso, e comunque mediante citazione delle fonti. La proprietà intellettuale resta comunque dei singoli autori. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Esso viene aggiornato senza alcuna periodicità.

25 ottobre 2012

Come domare gli operatori e le loro fregature/2

Mi collego al post di Paòlo testé pubblicato per raccontare un altro risvolto del discorso operatori: in questo caso si tratta però dei fornitori/gestori di energia elettrica e/o gas.

Ieri pomeriggio suona il campanello della porta una signora di una nota società di energia - non la mia - chiedendo di vedere le bollette (occhio, non "posso vedere per cortesia", ma "devo") per calcolare la riduzione sulle bollette di novembre-dicembre.

Subito mi si accende una lampadina: lo stesso discorso me l'aveva fatto due anni fa una rappresentante di una diversa ditta, intortandomi così bene, rompendo così tanto, approfittando del mio stato di ignoranza (prima casa, ancora non avevo visto una bolletta) e del mio momento confusionario (stavo pure poco bene), da costringermi quasi con la forza a firmare quella che doveva essere un "rimborso" ma che poi si è rivelato essere un contratto. Disdetto nelle 24 ore successive: ci ho rimesso i soldi di due raccomandate, una per la disdetta, l'altra per il reclamo per il comportamento scorretto, ma la lezione l'ho imparata per bene.

Dunque, memore dell'avventura passata interrompo la signora, dicendole che il discorso sulle riduzioni lo conosco, che il mio gestore non mi ha avvisata di nessuna "riduzione" in arrivo né di una visita come la sua.
- Eh, ma al suo gestore non conviene! È solo un distributore, noi invece produciamo e distribuiamo direttamente l'energia! (scandalizzata)
- Lo so, ho capito cosa mi sta proponendo e non mi interessa. Ho scelto il [mio distributore] e non ho intenzione di sottoscrivere altri contratti.
- Ma io non le sto proponendo un contratto (in effetti non ha mai pronunciato quella parola, ndr), vede, [Nome energia] produce e distribuisce energia dal 19qualcosa...blablabla...con la legge Bersani per la liberalizzazione del mercato...blablabla...
- Senta, non mi sta dicendo niente di nuovo, conosco la situazione, conosco i gestori/distributori e NON MI INTERESSA.

Pare che la signora non abbia gradito il mio disinteresse e che l'abbia preso come un'offesa, o come un'evidente mancanza di raziocinio. Perché è OVVIO che io voglia spendere meno e che la ditta per cui lavora è la più economica.

Pare anche che ci piglino tutti per scemi: d'accordo che c'è una buona parte di persone che della liberalizzazione se ne sono fregati per pigrizia, "perché dovrei fare fatica a confrontare bollette e canoni?" - e come dar loro torto se ogni gestore ha un modo diverso di conteggiare le spese, quindi per capire la spesa effettiva devi risolvere equazioni di terzo grado!
C'è però un'altra bella fetta di persone che i conti se li sono fatti e che se hanno un gestore è per loro scelta. Ecco, gradirei che questa mia scelta venisse rispettata. Chiedo troppo?

Come domare gli operatori e le loro fregature

Mi scuso per la lunghissimissima assenza da questo blog, il massimo sforzo trovato è replicare un post del Paòloblog.

E' sera e suona il telefono. Già io sono poco amichevole se mi si chiama mentre cucino, poi quella sera stavo cucinando un minestrone, salutare ma poco attraente. Darò nomi di fantasia, ma tanto potete capire alla lunga  di chi parlo.

"E' la Operatore casa, sa che". Fermo lì, lo blocco e gli dico di non perdere tempo perché tanto ho mollato già la Operatore mobile, figuriamoci se voglio mettermi il fisso. Lui ovviamente fa "l'amicone" e cerca di capire i motivi.

Detto tra noi, dopo 12 anni mi ero rotto le palle del loro atteggiamento che hanno ultimamente, vedasi ad esempio questa avventura. Avventura che si è ripetuta dopo un mese, con un loro ulteriore rimborso come dire "Hai sbagliato tu, ma ti diamo l'onore del rimborso". Non ho mica bisogno della carità. Infine la Wind - e qui cito l'operatore reale -, con cui ho pure l'adsl, offriva un'interessante opzione.

Il sedicente venditore di Operatore inizia un discorso dicendo che Infostrada ha dato i dati a loro e che lui può leggere pure l'Iban. Dice pure che Infostrada per smettere di dare in giro sti dati si vuol far pagare. Io non abbocco, mi sembra una bomba troppo grossa. Ma, rifiutando le avance - commerciali -, saluto il venditore e chiamo Infostrada. Ovviamente loro mi dimostrano coi fatti che non mandano i dati, citando il mio esplicito rifiuto dato in fase di contratto. A quel punto però scrive davanti a me un reclamo da mandare all'Agcom. Scacco al re, servirà forse a poco, ma almeno la prossima volta saprò come respingere i vari operatori.

La prossima volta che mi chiama un altro sedicente venditore di qualunque operatore, sventolerò davanti a lui la minaccia di un altro reclamo. Da oggi colleziono teste di venditori disonesti :-D

oh please, stand by me, diana.

certe volte capita di sentirmi un po' l'anka.

24 ottobre 2012

shine on you crazy diamond.


"mi guardava negli occhi [...] e nel suo sguardo non c'era un singolo battito di ciglia o un accenno di vitalità, come se non ci fosse nessuno in casa".

"finito di mangiare, barrett sparì così come era compararso, lasciando waters e i compagni inebetiti e con le lacrime agli occhi. [...] non lo rivedranno più."

ognuno ha il suo lsd, e la speranza di tornare a brillare.




Choosy fan tutti

Non capisco: non capisco perché un Ministro della Repubblica Italiana, rivolgendosi ai giovani italiani, debba usare un termine straniero.

Non capisco come faccia un Ministro, professore universitario, ad esprimere un giudizio su un mondo che non conosce. Fosse stato, che ne so, il signor Benetton avrei capito.

Non capisco come un giovane, dopo aver studiato dai 3 ai 5 anni come minimo, ad accettare la prima cosa che gli viene offerta.
- vorrebbe dire aver buttato gli anni di studio
- vorrebbe dire ritrovarsi ogni volta punto e a capo, o peggio: non ha esperienza nel "suo" lavoro, però ne ha fatta nell'altro, quindi perché non proseguire?

Non capisco in cosa dovremmo essere meno selettivi: siamo disposti a fare stage non pagati né rimborsati, con responsabilità e competenze da professionista scafato.

Non capisco perché la colpa dei lavori a tempo determinato ricada sulle spalle del giovane, facendolo sembrare incostante e mai contento - quando invece darebbe un rene per poter lavorare nello stesso posto per almeno un anno intero.

Non capisco perché saremmo noi gli schizzinosi, quando girano annunci del tipo "cercasi neolaureato in economia con almeno due anni di esperienza e conoscenze avanzate di computer grafica".

Non capisco perché per trovare lavoro debba affidarmi alle agenzie di ricerca del personale, a confronto con gente che nemmeno ha una vaga idea delle competenze richieste e del valore delle mie capacità (che non sa valutare perché non sa cosa siano neanche lontanamente).

Non capisco perché le mie due lauree non sono mai abbastanza.

Non capisco perché le mie esperienze non sono mai abbastanza.

Non capisco perché per realizzare un sogno debba passare sotto le forche caudine di un concorso che propone test irrisolvibili anche per chi si trova a valutarmi.

Non capisco perché si pretenda una maggiore concretezza e pratica, quando dall'altra parte si fissano su un becero nozionismo fine a sé stesso.

Non capisco perché se sono disposta a lavorare gratis pur di fare esperienza, pur di inserirmi nel mondo del lavoro anche dalla porta di servizio, mi si dica che sono choosy.

Non capisco. Evidentemente il mio q.i. non è sufficientemente alto, e sì che 140 punti non mi sembran pochi.

22 ottobre 2012

uso esterno.


"gel rilassante. decontrazione muscolare dopo attività sportiva. [...] evitare il contatto con occhi e mucose."

quali sport pensano uno possa praticare?

21 ottobre 2012

E' Baumgartner che cade o è la Terra che si avvicina? (S)battute/73


Questo post è opera de il_cesco e di Michele_D 

Caserta: baby mamma rom partorisce a 12 anni. Rom, baby, rom.

Pasquale, ucciso per errore dai clan: il vero bersaglio era un sosia.  
Pasquale, ucciso per errore dai clan: il vero bersaglio era un sosia.  

Alice sta per morire: torna a respirare dopo un bacio della mamma. Anche la mamma.

Massacrò oltre 100 cani: il killer violentato in carcere. Adesso non sente più.

Morto sul water da oltre un anno, il suo corpo ritrovato mummificato. Ci vorranno almeno tre scarichi e lo scopino.

Il fantasma di Claretta Petacci a Salò. Tutti a caccia dell'amante di Mussolini. Tanto non ve la darà.

Malata di cancro a 13 anni: è una star dei makeup tutorial. Meglio di un manichino.

Porto Torres, su dimette la vicesindaco ventiquattrenne. La sua dichiarazione: "Nnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn".

Agiamo in buona fede, tuttavia, se ci dovessero essere battute non "autentiche" vi invitiamo a segnalarle mandando una mail a crashtestbloggers@live.it  


18 ottobre 2012

"una rubrica per i giovani, che anche i genitori devono leggere".



un mio amico aveva bisogno di farsi mettere a posto qualche osso dall'osteopata. no, il pene non è un osso, come diceva quella barzelletta anatomica. 

fatto sta che come ogni studio che si rispetti ha una sala d'attesa.

ecco. la sala d'attesa. c'è un virus che prende i medici, ossia quello che affligge il sistema nervoso e li induce a pensare che leggere giornali di gossip vecchi come le guerre puniche con contenuti molto più beceri (si dice più beceri?) delle suddette antiche belliche manifestazioni.

per ingannare l'attesa, dato che il mio amico si stava facendo slogare una spalla per farla rimettere a posto (un giorno andrò anch'io dall'osteopata, devo solo trovare il coraggio, come le donne con la ceretta, oltre al fatto che anche alcuni uomini se la fanno, e oltre al fatto che devo guadagnare 50 euro e prostituirmi non è certamente una soluzione fattibile), pesco dal mucchio una copia di un noto giornale di gossip di cui non farò il nome, ma che non è certamente quello che mi aspetterei di leggere, è di più.

in questo giornale anonimo, non posso dirvi di più, oltre a pubblicità e articoli scandalistici e scandalosi in cui si vedevano (non troppe) tette della principessa della casa reale inglese dall'onanista nome, c'era di più.

c'era un angolo della posta, condotto da niente di meno che dall'accattivante scrittore dei giorni nostri prestato alla politica di rosello: federico moccia. non un giornalista: di più.


"mi chiamo roberta e ho quindici anni. qualche tempo fa stavo con luca 

[...] 

ho deciso di lasciare luca per luigi 

[che aveva conosciuto nel frattempo] 

[...] 

con lui la mia vita è diventata emozionante: ogni giorno un'avventura! ma poi la scuola è finita e non ci siamo più visti. 

[...] 

ora non so che cosa fare: lasciare luigi per luca o continuare la storia con luigi che è un ragazzo adorabile? 

[luca nel frattempo si è fatto risentire eh]"

prima cosa: cristo.
seconda cosa: moccia, togliti quel cappellino dalla foto.
terza cosa: il titolo della lettera, "mi piacciono due ragazzi".

se aveste visto la banalità con cui il moccia scandiva consigli che fabbiovòlo sicuramente si sarà annotato per scrivere il suo nuovo romanzo "è una vita che non mi faccio la barba" vi sareste schifati. a me è venuto un brivido. c'è stato un momento in cui non ho capito chi dei due era la quindicenne.

"ho quindiciànni e mi piacciono due ragazzi". eccoti cinque euro, vai in farmacia, prima di tutto.

17 ottobre 2012

ma sentitevi skee - lo.



a me non piace capossela. ha la faccia da ottantenne vissuto che gioca a fare il ventenne ma che in realtà ha una cinquantina o giù di lì.

detesto dente. e l'allitterazione ridondante rende "detesto dente" ancora più evi - dente.

mi fa cagare vasco brondi. uno con un cognome da campagna pubblicitaria per cordless e un nome da tossico.

odio il teatro degli orrori. che poi è solo quel pierpaolo capovilla che butta giù due frasi - urbane - (cit. un pezzo a cazzo dell'ultimo penoso album) e si sente un "re". e non alludo certamente all'armonia.

detesto brunori sas con un nome da gruppo e invece guarda un po' è solo lui e basta e avanza.

e posso dirti che trovo i cani irritanti. ma queste sono "velleità".

e nonostante ciò, sono molto più hipster di te, before it was mainstream.

(da quando la musica è diventata spacconeria?)

16 ottobre 2012

le dieci.



"ciao, allora ore dieci ci vediamo"
"sì, ore dieci".

seduto su uno scalino, di quegli scalini che ci sono davanti le vetrine dei negozi attendo le dieci, non che sia rimasto oredòre ad aspettare con il culo in cancrena su quello scalino.

macchina. parcheggiano.

lui, con un disinvolto gesto, si ferma, dà le spalle in segno di denigrazione ad una renault megàne grigio metallizzato e solleva il braccio destro a mò di vaffanculo manonmandaaffanculonessuno...ha in mano la chiave+telecomandino.

chiude la cazzo di macchina.

ora, non so cosa mi abbia dato fastidio di più, se la strappona con cui si accompagnava oppure il fatto che non abbia chiuso con la chiave quando cazzo, sì, avrebbe potuto chiudere con quella dannata chiave. perché perdi tempo per farti lo splendido?

ora ho capito. la mia uno non rimorchia perché non ha la chiusura centralizzata.

poi si sono fatte le dieci.

14 ottobre 2012

Il Grillo nuotante.(S)battute/72


Questo post è opera de il_cesco e di Michele_D 

Padova, bimbo malmenato. Minacce di morte all'ispettrice. Toghe rosse.

Bologna, uccide a coltellate l'amante della moglie. Prossimo film dei Vanzina?

Formigoni: la Lega gli stacca la spina. Potrebbe essere accanimento terapeutico.

Verona, ragazzo autistico scambiato per spacciatore. La prossima volta, mettetegli un cartello.

Difende un venditore di rose dai bulli. Non conoscevamo questo fiore.

C'è una notizia sulla Fornero, ma non ce ne frega 'na mazza.

Ultraleggero precipita durante un matrimonio. Prossima volta alitate sulla punta.

USA: incollò le mani della figlia al muro. "Se sei triste batti le manine!" TOC. TOC.

Flavio Briatore: "In Italia tutti evadono le tasse, ma voi politici siete insuperabili".  Perciò, siete fuori.

Roma, si fingeva poliziotto per avere sesso dalle prostitute. Legen...wait for it...dary!

Napoli: commerciante impugna il rosario e si lancia nel vuoto. Inferno o Purgatorio? Vota al 45330. Servizio in abbonamento.

Curava i gay con l'elettroshock e poi li seviziava. Come è giusto che sia.

Finto prete ortodosso intascava i soldi dell'elemosina. Doveva fingersi cattolico.



Agiamo in buona fede, tuttavia, se ci dovessero essere battute non "autentiche" vi invitiamo a segnalarle mandando una mail a crashtestbloggers@live.it  

10 ottobre 2012

Pubblicità progresso

Sono una bambina degli anni '80: i miei ricordi, per quanto frammentari, sono comunque nitidi, anche di quegli anni in cui sapevo a malapena leggere e scrivere.
Di questo periodo ricordo un articolo di Famiglia Cristiana che narrava le meraviglie del venturo 2000 - è evidente che qualcuno aveva esagerato con l'incenso. L'articolista scriveva di città di vetro, automobili volanti e prodigi della tecnica allora inimmaginabili. Il disegnatore si era prodigato nel raffigurare una città linda e ordinata, popolata da persone ovviamente sorridenti strizzate nei loro abitini in simil-lurex.
Vorrei conoscere il pusher di lorsignori - ma andiamo avanti.

Alcuni anni più tardi compivo un balzo nel passato grazie a un vecchio numero della Selezione dei Ragazzi, precedente lo sbarco sulla Luna: anche qui qualcuno si era fumato qualcosa di pesante, viste le montagne di oro e materiali preziosi che si supponeva avremmo trovato sul nostro satellite.

Fatto sta che sulla Luna comunque ci siamo finiti, che quest'anno abbiamo mandato un robot su Marte e che la tecnologia ci permette di fare praticamente tutto.
Computer che accendono e spengono le luci o il riscaldamento di casa, lavatrici che riconoscono il bucato, telefoni che scattano foto e macchine fotografiche che realizzano video. Possiamo vedere al buio, o scoprire cosa sta sotto il primo strato di pittura di un dipinto. Se abbiamo strani mal di pancia, ci basta ingoiare un pastigliozzo che contiene una telecamera e le nostre interiora non avranno più segreti. Si fanno operazioni al cuore inserendo un catetere nella vena della gamba e un laser ti permette di non usare più gli occhiali.
Ma nonostante tutto ciò, e molto altro ancora che non sto qui a elencare, nonostante i progressi e il treddì e l'accaddì, ancora dobbiamo accontentarci di frittate in bianco e nero che per decifrarle ci vuole una laurea solo per quello e che nonostante le rassicurazioni del medico che tutto va bene non capisci cosa sia questa roba qui:


7 ottobre 2012

Ilva non c'e' un cazzo da tossire.(S)battute/71


Questo post è opera de il_cesco e di Michele_D 

Cina, stop alla produzione di Iphone5: sciopero nella fabbrica di suicidi. Aumenta la fila negli AppleStore. 

Texas: 17enne uccide madre e sorellina. Con tutto questo sangue, ormai sorella.

Cuba: liberata blogger dopo 30 ore in cella. Comunque troppo tardi per scrivere (S)battute.


Agiamo in buona fede, tuttavia, se ci dovessero essere battute non "autentiche" vi invitiamo a segnalarle mandando una mail a crashtestbloggers@live.it  

Post più popolari