Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Licenza Creative Commons
aprovadicrash by Aprovadicrash is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at aprovadicrash.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at crashtestbloggers@live.it.
E' consentita la copia del materiale contenuto in questo blog, purché non a fine lucroso, e comunque mediante citazione delle fonti. La proprietà intellettuale resta comunque dei singoli autori. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Esso viene aggiornato senza alcuna periodicità.

24 giugno 2011

American House


Spesso gli usi&costumi donano ad un posto, una citta' o uno stato la sua bellezza. Che per chi ci abita sono cose normali, ma che per chi non le vive come cose comuni sono portatrici di un fascino incontrollato.

Non e' molto grande. Comoda potrebbe dire qualcuno. Ma qualcosa di personale, per come e', quando ti affezioni, poco importa come la "vedano" gli altri. Se per webcam, per telefono o semplicemente per sentito dire. Non ha grandi spazi ma comodi angoli dove poter vivere un pezzo della giornata. Per quanto ci abito, la trovo buona! Ha tutto, una comoda cucina di quelle a piastra, un buon forno a microonde e un buon frigo. Piccolo ma buono.
Ha il letto matrimoniale, nel muro. Qualcuno ha riso, qualcuno ha sorriso e qualcuno mi ha biasimato. Fa niente, nessuno di loro sa la comodita' che ha, come un cassetto. Che quando lo chiudi lo trovi praticamemte come lo hai lasciato. E poi quando devi dormire, apri e buonanotte. Ha tutto, un comodo armadio molto piu' grande di quando immaginavo, tanto da occuparne solo un terzo. Non manca niente in casa, e quello che non c'e' si puo' acquistare nei tanti negozi in strada.
Aspetta una cosa manca...la lavatrice. La lavanderia, in America cosi' comune, si trova in tutte le case al piano piu' basso. Anche io la possiedo ma in comune con gli altri. In comode monete da 25cent.

Ma di questo ne parlero' in un altro post...non mi resta che chiudere il pc per conoscere altri cliches americani.

7 commenti:

  1. il letto a scomparsa...TAAAAC! :D Mi piacciono questi racconti, Mike ;)

    RispondiElimina
  2. La casa deve piacere a se stessi, se piace a te è la cosa più importante.

    RispondiElimina
  3. Meglio il letto a cassetto che quello a castello..
    Soffro di vertigini, io :)
    Ha ragione Paòlo, la casa deve piacere a chi ci abita, ma.. da come l'hai descritta, la tua piace anche a ME ! :)

    RispondiElimina
  4. Carina!
    Mi sono sempre chiesta, se è poi così comoda lalavanderia in comune. Cioè, mentre il bucato si lava che fai? Aspetti li o te ne vai? e se te lo scordi?

    RispondiElimina
  5. innanzitutto grazie dei commenti! :)

    @il_cesco: grazie fra...tu sei uno di quelli che ha riso...e spero solo quello!
    @Paolo: e' comoda, certo non e' la casa dei miei sogni, ma si sta bene. Non e' che me la tengo per la vita, ma solo per un altro mese! E per questo mese rimarra' ancora bellissima! :P
    @Grace: Anche se non soffro di vertigini, ti assicuro che il letto a castello incute un po' di timore anche a me! Ti rigrazio per il tuo apprezzamento sulla mia "comoda" casa! :D
    @Waterwitch: comodo? Non so, se non fosse che devo continuamente scambiare i dollari in coins...
    Mentre lava&asciuga vado via e torno quando tutto e' finito per prendere il bucato e portarlo su in casa, al quarto piano senza ascensore!

    RispondiElimina
  6. ho abitato in una casa tipo questa da studentessa, e la trovavo bellissima,sara' che era tutta l'esperienza estera molto esaltante..

    RispondiElimina
  7. @S.: si forse l'esperienza estera rende tutto piu' affascinate, anche tu sei stata qui negli USA?

    RispondiElimina

Post più popolari