Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Licenza Creative Commons
aprovadicrash by Aprovadicrash is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at aprovadicrash.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at crashtestbloggers@live.it.
E' consentita la copia del materiale contenuto in questo blog, purché non a fine lucroso, e comunque mediante citazione delle fonti. La proprietà intellettuale resta comunque dei singoli autori. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Esso viene aggiornato senza alcuna periodicità.

6 settembre 2010

a domanda (vera) rispondo


(capita più o meno frequentemente di rivedere persone che non rivedevi da parecchio tempo, e ad un certo punto ti incominciano ad interrogare, credendo di essere in un poliziesco ("quanti anni hai?", "hai la ragazza/il ragazzo?", "dove abiti, ora?" e simili). Una domanda, che sinceramente non ho mai capito perché si faccia, è quella che avranno sentito in molti, e che mi è valsa un post. Questo perché l'altro giorno ho rivisto una persona che non vedevo da dieci anni e lui ora ha un figlio e quarant'anni e io non sono più un brufoloso quattordicenne. ma mi ha e ci siamo riconosciuti, ed è nato un dialogo piacevole. ma mi è venuto in mente che a quella domanda, che ora andrò ad illustrarvi, avrei potuto rispondere "almeno" in questi pochi modi. buona lettura.)

e ora, che fai?

"mi sono dato al mondo porno. domani ho la presentazione del mio film. se non ci sarà gente saranno cazzi."

e ora, che fai?

"metto bavaglini alle lumache."

e ora, che fai?

"sono diventato un bastardo. aiuto a far mordere le persone ai cani che abbaiono, ma l'intento è nobile, voglio abbattere il luogo comune."

e ora, che fai?

"faccio diventare daltonici i leghisti (opera umanitaria. lo so, lo so, niente politica...appunto)."

e ora, che fai?

"miglioro la vita alle persone."
"sei diventato un volontario?"
"no. un killer."

e ora, che fai?

"pezzi di ricambio delle auto."
"vendi?"
"no. no. faccio il pezzo di ricambio delle auto. non ti dico che fastidio: fino all'altro giorno ho dovuto fare la fascia che regge la marmitta. non è stato piacevole."

e ora, che fai?

"alimento speranze. sono un motivatore."
"non ho mai creduto in questi tipi di lavori."
"credici, su! puoi farcela! ancora uno sforzo!"

e ora, che fai?

"mi sono dato alla prostituzione. eterosessuale. no perditempo. chiamare ore pasti. o quando vi pare."

e ora, che fai?

"sono un guardone di stati di facebook."

e ora, che fai?

"bella vita. scrivo post apparentemente nonsense per un blog."

6 commenti:

  1. molti attribuiscono l'invenzione del nonsense ad edward lear.
    in realtà la colpa fu del suo traduttore.

    RispondiElimina
  2. il guaio è che i miei post non vengono tradotti in nessuna lingua. e questo mi preoccupa...cmq bello "l'angolo cultura" non sapevo che fosse lui l'inventore del nonsense (o meglio il suo traduttore)

    RispondiElimina
  3. resto della mia idea che sei un genio!

    RispondiElimina
  4. troppa grazia. preferirei anche un po' di gioia. ma anche manuela non mi dispiacerebbe...

    RispondiElimina
  5. a me sembra più strano che chiedano "quanti anni hai?"
    la data di nascita non è mica una variabile!
    :)

    RispondiElimina
  6. @ ghiaccio: eppure capita ancora, e quella persona che ho incontrato dopo 10 anni me l'ha fatta...ma ciò che mi colpisce è proprio la domanda, vaghissima, "e ora, che fai" perché è quella che usi o che usano poco prima di congedarti e dirti "mi ha fatto piacere, ci vediamo" e poi non li rivedi più :)

    RispondiElimina

Post più popolari