Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Licenza Creative Commons
aprovadicrash by Aprovadicrash is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at aprovadicrash.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at crashtestbloggers@live.it.
E' consentita la copia del materiale contenuto in questo blog, purché non a fine lucroso, e comunque mediante citazione delle fonti. La proprietà intellettuale resta comunque dei singoli autori. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Esso viene aggiornato senza alcuna periodicità.

10 ottobre 2011

c'era un.a.volta una tuta. di pile.


incontrò un'alpaca, un'alpaca speciale. 

difatti era la mamma di un cucciolo che ormai era rodato nel mondo del cinema, infatti era un alpacino.

altri animali colleghi avevano sfondato in altri settori: ad esempio il suo amico toro, che a sfondare a forza di capocciate se ne intendeva. 

poi c'era il ragno esperto in fughe e dovevi vedere come filava, ma soprattutto aveva orecchio per la musica classica e ottocchio per il cinema. lo chiamavano "bach" per quanto era bravo. aveva anche due amici: tabach e venere, ed era una compagnia distruttiva.

comunque questa tuta di pile si sentiva tuta sola. e voleva più pile per tutti.

riuscì a commercializzarsi e a unirsi a tanti altri oggetti sportivi arroganti che si comportavano da boss, (ma tuttavia buoni), infatti erano capi di marca, e finalmente non fu più sola.

tutavia la tuta si sentì realizzata solo il giorno che le misero il marchio di fabbrica. 

poi, fece una brutta fine: si diede alla prostituzione. infatti la gente la comprava e ci entrava dentro. 

non tutte le fiabe finiscono bene. 

6 commenti:

  1. La prostituzione non è 'una brutta fine', c'è da sempre ed è un segno di libertà.
    Poi sono nati i politici, e i prostituti siamo noi tutti, senza distinzioni di sesso e di censo: infatti questi dannati ci 'entrano' a loro piacimento e a godere sono solo loro.

    RispondiElimina
  2. sono d'accordo...quando scrivo post di questo genere si parla per luoghi "più che comuni"...

    RispondiElimina
  3. Cesco
    son mica capace di commentare per luoghi comuni, fossero anche province. (l'avrai capita?)

    Ma il post per dire che il we passato ti sei comperato una tuta in pile? apperò :)
    E' tutto occhei: amici come prima, cambia nulla per me, tranqui;)

    felice settimana !

    RispondiElimina
  4. vogliamo fare un referendum per abolire i luoghi più che comuni? :D

    buon inizio settimana!

    RispondiElimina

Post più popolari