Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Licenza Creative Commons
aprovadicrash by Aprovadicrash is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at aprovadicrash.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at crashtestbloggers@live.it.
E' consentita la copia del materiale contenuto in questo blog, purché non a fine lucroso, e comunque mediante citazione delle fonti. La proprietà intellettuale resta comunque dei singoli autori. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Esso viene aggiornato senza alcuna periodicità.

16 ottobre 2010

incazzato. (ei fuuuu)

molti dicono che perdere la calma è una cosa che non si dovrebbe fare perché fa male, d'accordo, perché non è corretto, d'accordo, e tante altre cose. ma c'è un piccolo particolare: capita. e capita spesso. e la domanda che uno si deve porre non è se è giusto o meno perdere la pazienza, ma perché la si perde così spesso?

comunque, un po' troppo spesso succede che guardo la tv. e mi incazzo.
mi affaccio alla finestra. e mi incazzo.
apro la porta di casa. e mi incazzo.
mi siedo su una sedia scomoda. e mi incazzo.

mi posso rilassare davanti alla tv e fare la spola tra x factor e la partita dell'italia, ma poi quest'ultima viene sospesa. e mi incazzo.

la mattina apro la tracolla e vedo i libri universitari. e mi incazzo.
inoltre, vedo cose che non vorrei vedere (ché chiamarle persone è un complimento). e mi incazzo.

ascolto la musica e nel mentre mi squilla il telefono. e mi incazzo.

ho avuto una giornataccia, poggio il culo sulla sedia faccio per trovare il telecomando per poter vedere un po' di sana e decerebrata tv, ed è lontano da me. e mi incazzo.
mi stacco una pellicina con delicatezza e rischio invece di amputarmi una mano. e mi incazzo.
"esco esco, ci vediamo dopo" e invece non esce più. e mi incazzo.
fame boia. non c'è un cazzo in frigo. e mi incazzo.
"dormo, sì, stanotte dormo", poi non dormo più. e mi incazzo.

voglio un caffè, ma è domenica pomeriggio e i bar sono tutti chiusi. e mi incazzo.
ho fretta, prendo la macchina e mi accorgo che è miserabilmente in riserva. e mi incazzo.

e tante, purtroppo, altre situazioni. comuni. spero. almeno "mal comune mezzo gaudio". tiè.

(ci sono anche fumetti, anzi e - comics, su questo nobile argomento, e sono questi qui)

6 commenti:

  1. Prima o poi si sbrocca tutti. Quelle che hai elencato, sono solo una parte delle situazioni quotidiane che ti fanno incazzare -.-. Nessuno ne è immune.
    C'è chi si incazza prima, chi si incazza dopo, chi si incazza poco e chi si incazza tanto, ma prima o poi una crisi di nervi viene a tutti!

    RispondiElimina
  2. Io, invece, sono meridionale. L'unica cosa che mi fa incazzare è uno che commenta un mio post usando uno steriotipo.

    RispondiElimina
  3. (E dislessico, visto che scambia i per e)

    RispondiElimina
  4. @silas: la tua calma è provvidenziale. una cosa che ammiro del tuo blog? il blog stesso. scrivere racconti non è una cosa semplice, soprattutto se sono "racconti brevi". tu ci riesci. e, comprensibilmente, quando qualcuno smonta ciò che fai di tutto per non farlo risultare scontato, commentandolo con uno stereotipo, è un buon motivo per arrabbiarsi, o quantomeno, per avere tutto il diritto di sentire quel saporaccio in bocca che ti lascia un caffè fatto male.

    RispondiElimina
  5. Nu, scherzavo: volevo giocare sul paradosso di commentare usando uno stereotipo (sono meridionale, quindi prendo tutto in maniera easy) e al tempo stesso condannare l'uso degli stereotipi. (Aggiungi che non ero particolarmente lucido ^_*)

    Anyway, voglio precisare un paio di cose:
    1) Sì, il caffé fatto male è uno dei peggiori crimini contro l'umanità
    2) Mi fai complimenti eccessivi. Mi piace
    3) A questo punto aspetto un tuo racconto
    4) Grazi'assai per il link.

    (questo è più o meno quello che avevo scritto, ma avevo dimenticato di pubblicare)

    RispondiElimina
  6. @silas: prego. è solo che mi interessa rubare la tua macchina nuova e per questo devo diventare tuo amico :P. scherzi a parte, il racconto a puntate di "carlo e chiara" è già una semi produzione di stampo anche a tratti autobiografico (a puntate, se ti va, nei tag "carlo e chiara" trovi tutto :) comunque, ribadisco, come detto nell'altro commento che ti manderò qualcosa, non appena avrò avuto l'ispirazione :)

    RispondiElimina

Post più popolari