Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Licenza Creative Commons
aprovadicrash by Aprovadicrash is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at aprovadicrash.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at crashtestbloggers@live.it.
E' consentita la copia del materiale contenuto in questo blog, purché non a fine lucroso, e comunque mediante citazione delle fonti. La proprietà intellettuale resta comunque dei singoli autori. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Esso viene aggiornato senza alcuna periodicità.

27 maggio 2011

in un istante.

la vidi e nel frattempo rimasi senza parole. avevo perso a scarabeo. era lì, sola con i suoi occhi, e mi chiesi quanto fosse necessario avere delle macabre compagnie come dei bulbi oculari. ma non mi interessò: la dovevo conoscere.

parole senza senzo, sensa senso, sensa senzo, cioè senza senso uscivano dalla mia bocca. e meno male che avevano azzeccato orifizio, sennò se ne sarebbe già andata. ma invece mase più di una volta. rimase.

abbassò lo sguardo, poi rialzò gli occhi e sorrise, ma cazzo, quanti tic c'aveva! ma non faceva nulla, sono un tipo che avrebbe tollerato anche il tac, perché gli piace tantissimo sentire il "tempo che scorre": tic, tac, tic, tac. "scorri, forrest, scorri!". non era così, la frase? no, perché poi non capisco che cosa c'entri un mago comico, però...

ma, poi, poi le cadde il quaderno (e si fece male, forse) e io lo raccolsi e lei disse: "fermo: non fare manovre azzardate, potresti creargli dei traumi, lascialo a terra. meglio chiamare il pronto soccorso".
e lo feci.

"pronto soccorso?"
"sì pronto, io invece soffrancesco. c'è un quaderno che è caduto da circa un metro e trenta di altezza e abbiamo paura sia contuso".
"ah, beh", rispose l'omino dall'altra parte del filo telefonico, "se è contuso, almeno non è solo. comunque arriviamo"

gli fecero una flebo di clorofilla, e si riprese. quanto alle contusioni, fu necessario ingessarlo: gli comprarono una cartellina rigida.

nel frattempo avremmo potuto conoscerci meglio e magari sarebbe nato qualcosa tra di noi e poi saremmo andati a vivere in una casa in un paese in cui non piove mai. ma lei poi fu opportuna nel dire: "parliamo da così tanto e tu non sai neanche il mio nome..."
e mi disse: "piacere, ubaldo."

lì capii in un istante che non avrebbe mai funzionato.

11 commenti:

  1. ahahahahahah oddio! è un piscio!

    RispondiElimina
  2. era un po' che non scrivevo un post "umoristico" e quindi ho pensato di farlo...sono contento vi sia piaciuto! :D

    RispondiElimina
  3. Oh là ci voleva un bel post dei tuoi classici :-D

    RispondiElimina
  4. il caro vecchio Ubaldo, prima o poi tutti lo incontrano. Me lo hanno raccontato. Io per esempio non l'ho mai incontrato! Dovrei essere Fortunato. Ma sono solo Michele!

    RispondiElimina
  5. hehehe divertente! però bisogna rileggerlo con attenzione..da soli non è la stessa cosa!

    RispondiElimina
  6. infatti, da quando ha conosciuto il suo boy, cosa è cambiata tantissimo. poteva cercare "di meglio", ma ha trovato un altro supermercato. ora fa la spesa alla lidl, ma stare sugli scaffali non è molto gratificante.

    RispondiElimina
  7. Potenza delle flebo di clorofilla<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<1

    RispondiElimina

Post più popolari