Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Licenza Creative Commons
aprovadicrash by Aprovadicrash is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at aprovadicrash.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at crashtestbloggers@live.it.
E' consentita la copia del materiale contenuto in questo blog, purché non a fine lucroso, e comunque mediante citazione delle fonti. La proprietà intellettuale resta comunque dei singoli autori. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Esso viene aggiornato senza alcuna periodicità.

2 gennaio 2011

c'era una volta vasco (titolo da favoletta da fan e, invece no, è qualcosa di diverso.)

(ho passato due giorni in una sorta di stato che definirlo meditazione è riduttivo. ho pensato un po' per me stesso e a me stesso. e ne uscito fuori questo pezzo che, credetemi o no, con vasco c'entra poco e niente.)



c'era una volta vasco.

il grande vasco. non quello di oggi pieno di spot e riportini e luoghi comuni e "te, me, se, eh".

c'era il vasco che non aveva un cazzo di estensione ma come cantava lui non cantava nessuno.

c'era il vasco di tante belle canzoni, canzoni vere, canzoni che a volte sì, sapevano di ago in vena, ché l'eroina l'hanno provata in molti nel rock e lui ci ha perso pure un amico per quella merda.

c'era il vasco graffiante, il vasco che era un anti status symbol, il vasco che se tu ascoltavi vasco eri rock.

poi vasco è andato a puttane. probabilmente ci sarà stato anche prima,vabbè.

beh, dal momento in cui ha cominciato a starnazzare sui luoghi comuni, discograficamente parlando, non ha avuto più timpani per me, anche se da buon fan un paio di peccatucci li ho fatti.
ma ora vi voglio parlare di una canzone del vasco "buono".
vi parlo di "vivere", ché la vita non lo so come va, ché ho ventitrè, ventitrè dico ventitrè anni e sono ancora troppo pochi per raccontarli, e quando nascevo io appena cinque o sei anni dopo sarebbe arrivata quella canzone. ma la apprezzai in seguito, ché io, per fortuna o per mia sfortuna, guardo indietro, nel passato. in particolare quello che faccio, oggi, è soffermarmi su una frase: "oggi non ho tempo, oggi voglio stare spento", per introdurvi un paio di concettini.






(è consigliato il sottofondo musicale, da ora in poi, cliccando qui sotto, sull'immagine, sì, avete capito bene, con il destro e poi su "apri in un'altra finestra" o qualcosa di simile.)


odio essere asociale. ma il silenzio esiste. fa bene entrare in una clausura a scadenza giornaliera o che veda al massimo due albe, di tanto in tanto. essere "antisociale", più che asociale, mi ha aiutato in questi due giorni a riflettere. non ho fatto l'eremita, ho aperto bocca quando serviva ma sono stato schivo, poco servile, poco disponibile, assente il più possibile dalle vite degli altri per rifugiarmi nella mia e sono arrivato ad una conclusione.

ma non ve la dirò.

solo per dirvi che, ebbene sì, il silenzio fa bene, ché fa riflettere. questo stato strano che estromette l'essere umano dal suo contesto sociale è stato caratterizzato, in precedenza da momenti di allegria e sbando e risate e bla bla, voglio specificare. e voglio anche specificare che, se volete, il messaggio nascosto c'è in questo pezzo, se leggete tra le righe.

(ora io lo so che vi starete chiedendo "che cosa avrai concluso?" ma, cari miei, no no, non ve lo dirò. se proprio vi interessa mandate una mail a crashtestbloggers@live.it o cercatemi su facebook e, forse, vi risponderò. tutto questo per cercare di recuperare tutta la misantropia che c'è stata in questi due giorni, nella mia testolina perché, credetemi, ce n'è stata in abbondanza. nel frattempo, buon 2011.)

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari