Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Licenza Creative Commons
aprovadicrash by Aprovadicrash is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at aprovadicrash.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at crashtestbloggers@live.it.
E' consentita la copia del materiale contenuto in questo blog, purché non a fine lucroso, e comunque mediante citazione delle fonti. La proprietà intellettuale resta comunque dei singoli autori. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Esso viene aggiornato senza alcuna periodicità.

30 giugno 2010

Quando la normalità rasenta il ridicolo

A volte le persone si esprimono con frasi o espressioni che sono normali se inserite nel giusto contesto (di seguito indicato tra parentesi), ma che alle orecchie di uno che ascolta per caso e che non conosce quello stesso contesto, possono sembrare "bizzarre". Altre volte è proprio la conoscenza di quella situazione stessa che ti fa venir voglia di scoppiare a ridere in faccia alla persona che ha parlato...
Oggi, osservando i volti perplessi di queste persone, davanti alle parole dei boss e dei clienti, ho provato ad immaginare cosa stessero pensando, quale fosse la domanda che si stessero ponendo. E un'idea direi che me la sono fatta.

"Prendimi la mazza e manovralo un po' fino a quando non si alza"

... cosa avrà voluto dire??

(Osservando le "alette" del climatizzatore che erano scese troppo in basso:)

"Purtroppo il suo ragazzo non viene quasi mai, poverina, e quando viene lei non c'è mai..."

... cosa avrà voluto dire???

(Risposta alla frase "vengo quando non c'è il tuo ragazzo" detta da un cliente)


"Ma infatti lui ce l'ha proprio grosso!!! fa paura, ti giuro!!"

... cosa avrà voluto dire???
(Ragazza che si riferiva al cane di un suo amico)


"Devi farlo entrare lentamente. Se fai forte, il buco potrebbe strapparsi e la rovineresti."

... cosa avrà voluto dire???
(Ragazza che spiegava il punto croce all'amica. In ordine di riferimento: ago, foro della tela, tela)

Per prendermi in giro sulla mia forza, un ragazzo mi chiama col nome di un suo amico che va in palestra. Ho provato ad immaginare un ipotetico discorso tra lui e sua madre:
"Mamma, te l'ho detto. Non sono omosessuale, infatti sono fidanzato, voglio presentarti la mia ragazza."
"Ah si? E come si chiama?"
"Franco!"

... cosa avrà voluto dire????????


quando gli errori grammaticali minano la nostra posizione sociale...

"Vorrei un succhio alla banana!"

... cosa avrà voluto dire???

(richiesta di un cliente dichiaratosi gay qualche anno fa)


Ce ne sono altre ma ora non me le ricordo :p
Alla prossima!!!

3 commenti:

  1. Quel "cosa avrà voluto dire???" è emblematico! XD te l ho detto, devi scriverci un libro su ste cose! XD

    RispondiElimina
  2. sto seriamente prendendo in considerazione quest'idea

    RispondiElimina

Post più popolari